Come pulire le finestre in PVC, legno e alluminio

Pulire Finestre Come Fare

La pulizia delle finestre è una azione che per fortuna non deve essere fatta quotidianamente. È un’operazione infatti invisa a molte persone, che mal tollerano la necessità di arrampicarsi o di raggiungere zone più o meno impervie, in base a quelle che sono le dimensioni delle finestre stesse.

Capiamo però meglio come fare per pulire in maniera semplice, veloce ed efficiente le finestre della vostra casa; consapevoli del fatto che pulire almeno una volta al mese permette di non accumulare troppo sporco, e dunque di svolgere l’operazione in maniera più snella e semplice.

Pulire le finestre: inizia dagli infissi

La prima cosa che bisogna fare è prestare attenzione ai serramenti esterni; dovranno essere puliti con attenzione eliminando la polvere con molta attenzione passando un panno che porti via la polvere, prima di lavare bene le superfici. In questa fase è importante usare procedure diverse in base al materiale che compone gli infissi stessi.

Se i vostri infissi sono di legno, ad esempio, dovranno essere puliti con un panno intriso di acqua calda ed eventualmente del sapone di marsiglia. È bene in questo caso evitare di bagnare troppo gli infissi per evitare che l’acqua rovini il legno stesso.

Il trattamento cambia in presenza di infissi in pvc. In questo caso la pulizia è abbastanza semplice, dal momento che è sufficiente chiedere aiuto ad uno sgrassatore leggero per qualsiasi tipo di superficie.

Concludiamo dando qualche informazione utile a chi ha infissi in alluminio. In questo caso possiamo utilizzare una spugna intrisa di acqua calda ed eventualmente detersivo neutro. Attenzione a non utilizzare una spugna troppo ruvida, che potrebbe graffiare o danneggiare per sempre la superficie.

In tutti i casi, può essere utile munirsi di uno spazzolino da denti che vi permetterà di raggiungere anche gli angoli più complessi da lavare.

La pulizia dei vetri

Passiamo adesso alla pulizia dei vetri, che può essere effettuata chiedendo aiuto a diversi tipi di detergenti. Ai classici prodotti si accompagnano infatti soluzioni ad esempio di acqua e aceto (100ml di aceto in mezzo litro di acqua calda da spruzzare sulla superficie); acqua e sapone neutro; detersivo liquido per piatti.

In tutti i casi è importante ricordare che si tratta di una soluzione, che dovrà quindi includere una buona dose di acqua. Se volete rendere il vostro prodotto di pulizia ancora più profumato, vi basterà aggiungere degli olii essenziali profumati.

Naturalmente quelle appena citate solo soluzioni alternative ai prodotti specializzati nella pulizia e nella lucidatura dei vetri stessi.

In ogni caso occorre per prima cosa eliminare la polvere con un panno asciutto e solo poi iniziare con la detersione vera e propria da effettuare con un panno in microfibra che dovrà essere passato con movimenti circolari, senza bagnare troppo la superficie.

Il passaggio finale e delicato consiste nelle operazioni di asciugatura dei vetri, che può essere effettuata con l’aiuto dei giornali di carta accartocciati. Una valida alternativa è rappresentata da pelli di daino.

[Acquista ora la pelle di daino su Amazon]

L’operazione di asciugatura deve essere effettuata in questa maniera. Per questo motivo è opportuno evitare di svolgere questa operazione nelle giornate troppo calde e soleggiate, per evitare che le temperature di fatto asciughino la superficie, provocando aloni e macchie poco gradevoli.

In conclusione

A questo punto non vi resta che ammirare il risultato raggiunto e godervelo fino alla fine, fino a quando, dopo un mese circa, non sarà necessario effettuare nuovamente l’operazione.

Se questo tipo di pulizia vi risulta particolarmente antipatica, vi consigliamo in caso di pioggia di chiudere sempre le imposte, in modo da salvaguardare il più possibile la pulizie dei vetri delle vostre finestre.

Sempre in ottica di ottimizzazione dei risultati, potete evitare di spalancare le finestre per fare arieggiare le stanze tutto il giorno se non vi serve la luce nella camera, e procedere dunque ad una apertura di un paio di ore, prima di risigillare la camera e lasciare fuori la polvere.

[Scopri quali sono i prodotti migliori per pulire le tue finestre]

Home » Come pulire le finestre in PVC, legno e alluminio